energia elettrica
Energia elettrica prodotta nel 2013 – GSE
7 maggio 2014
Vedi tutto
Solarexpo

Oggi mercoledì 7 maggio, la quindicesima edizione del Solarexpo, evento fieristico internazionale in tema di energia solare parte di The Innovation Cloud, una piattaforma dedicata più in generale alle tecnologie energetiche low carbon per le città intelligenti, le reti e gli edifici.

Solarexpo un’occasione unica

Occuperà fino a venerdì 9 il polo di Rho Fieramilano dando appuntamento a tutti gli operatori delle rinnovabili e dell’efficienza e cercando trovare la chiave per uscire da un periodo molto complesso che ha visto ridimensionarsi i numeri dell’intera filiera.

Oltre agli spazi dedicati agli esepositori, ques’anno sono previsti oltre 40 convegni, workshop, corsi ed eventi speciali. Tra le varie iniziative in programma, ci sarà la seconda edizione dell’Internationalization Hot Spot, con un’area espositiva, convegni e workshop dedicati al tema dell’accesso ai mercati emergenti da parte delle nostre imprese che operano nelle rinnnovabile nelle tecnologie green, con focalizzazioni su 14 Paesi specifici.

Nell’evento di apertura di domani mattina otto “campioni” nazionali dell’imprenditoria delle rinnovabili, delle smart grid e dell’efficienza energetica discuteranno con Claudio De Vincenti, viceministro dello Sviluppo economico, e Silvia Velo, sottosegretario all’Ambiente, di una vera agenda energetica per il Paese e di una politica industriale per l’innovazione: si tratterà di fatto di un confronto con il Governo, per capire se, nonostante le diverse e recenti misure che hanno penalizzato le rinnovabili (e le ulteriori pesanti misure che potrebbero arrivare), l’energia verde è per l’esecutivo Renzi un settore industriale strategico per il Paese e, fin dal brevissimo periodo, un motore di ripresa economica.

Stabilità del quadro normativo, semplificazione delle procedure autorizzative degli impianti e per l’accesso alla rete elettrica, assicurazioni per gli investitori stranieri, garanzie concrete sulle politiche energetiche di medio periodo per dare certezze agli investimenti rivolti al mercato interno: questo il quadro delle richieste che verranno avanzate al Governo dall’industria di settore.

Tra i temi caldi di confronto non potrà mancare quello relativo al provvedimento ‘spalma incentivi’ proposto dal ministero dello Sviluppo Economico nell’ottica di riduzione del 10% della bolletta elettrica: tagliare retroattivamente del 20% la remunerazione degli impianti rinnovabili esistenti, a fronte di un’estensione di 5-7 anni del periodo di incentivazione.

Una misura che avrebbe effetti particolarmente negativi non solo per i proprietari degli impianti, ma anche di destabilizzazione per il sistema finanziario, che molto ha investito nell’energia verde.